Trucchi per pulire casa

pulire casa

Non sempre le case sono ordinate e pulite come si vorrebbe, infatti molte volte regna proprio il caos!  Ma se vogliamo fare qualcosa per porre fine al disordine, dobbiamo adottare i giusti accorgimenti che ci aiuteranno ad avere una casa pulita e ordinata. Come far ciò? Ecco dei trucchi utili.

Fate ordine con i documenti
Per evitare di lasciare documenti sparsi per la casa e magari rischiare di perderli, usate dei contenitori appositi. In commercio esistono dei classificatori che vi aiuteranno a non avere in giro per casa, carte e bollette.

Usate dei contenitori nella stanza dei bimbi
Nella cameretta dei vostri piccoli, utilizzate dei contenitori per il disordine in cui potrete riporre tutti i giocattoli, mantenendo comunque i giochi sempre a portata del bambino.


Fate ordine in bagno

Cercate di non lasciare in disordine il bagno, magari potreste organizzare le vostre cose in cassetti o contenitori per avere tutto a portata di mano. In questo modo non avrete oggetti sparsi qua e la e saranno anche al riparo dalla polvere.

Pulite una stanza al giorno
Specialmente se avete una casa grande e non disponete di un aiuto esterno, cercate di pulire una stanza al giorno. In questo modo lavorerete per obiettivi e non vi stancherete più del dovuto.


Fate un controllo di quello cha avete in casa

Saltuariamente, sarebbe giusto fare un controllo di tutto quello che avete in casa. In questo modo potrete aver chiaro cosa vi serve e cosa invece potrete donare a chi ne ha più bisogno di voi. Non solo libererete spazio prezioso, ma farete anche beneficenza.

Nascondete i fili sparsi per casa
Per evitare di inciampare o solamente per una questione d’estetica, potrete pensare di nascondere fili di tv, pc, dvd ed elettrodomestici vari. In commercio infatti, sono disponibili avvolgi-cavi o tubi raccogli-cavi appositamente prodotti per creare ordine anche per la parte tecnologica.

Fonte: www.ilportaledellimbianchino.com

Controllare la glicemia con il diabete di tipo 2

diabete

Sta facendo molto discutere nelle ultime ore quanto rivelato da alcuni scienziati attraverso uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine che rivela il perchè le persone dovrebbero mangiare broccoli, facendo uno specifico riferimento a coloro che soffrono di diabete di tipo due. Nello specifico gli scienziati in questione, ovvero il gruppo di ricercatori diretti dal professor Anders Rosengren, hanno analizzato circa 3800 composti utilizzati per i medicinali indicati proprio per i diabetici e hanno scoperto che mangiare broccoli può aiutare queste persone a tenere sotto controllo il proprio diabete di tipo 2 grazie alla capacità, di tale alimento, di tenere sotto controllo la glicemia.

Dopo aver analizzato i composti utilizzati nei medicinali per diabetici ecco che i ricercatori citati in precedenza hanno scoperto e successivamente rivelato che uno dei più efficaci è il solforato di cui sono molto ricchi proprio i broccoli e proprio dopo aver fatto tale scoperta gli stessi ricercatori hanno sperimentato quanto scoperto su 97 pazienti per una durata di circa 12 settimane. Nel corso di tali giorni di sperimentazione i ricercatore hanno somministrato ad alcuni di questi pazienti il composto in questione quindi il solforato mentre invece ad altri pazienti hanno somministrato per l’intera durata della sperimentazione e quindi per 12 settimane, un placebo. Il risultato finale di tale sperimentazione è stato sorprendente in quanto proprio il solforato si è dimostrato efficace per attenuare molti fattori legati proprio al diabete di tipo due.

Secondo i ricercatori diretti dal professor Anders Rosengren i germogli del broccolo possono aiutare i pazienti affetti da diabete di tipo 2 a tenere sotto controllo la glicemia e proprio il solforato andrebbe ad inibire la produzione di glucosio riuscendo quindi a tenere sotto controllo ,come anticipato in precedenza, proprio la glicemia, termine questo con il quale ci si riferisce alla presenza di zucchero nel sangue.

Come usare Messanger

messenger

Fino a qualche anno fa si poteva utilizzare l’applicazione di facebook anche per inviare messaggi. In alternativa si poteva anche andare nel proprio account tramite browser (come chrome o safari) e inviare messaggi ai propri amici direttamente da lì. Da qualche anno non è più così e facebook ha creato un’applicazione ad hoc denominata messenger. Se ancora non l’hai installato perché pensi sia inutile o perché pesa troppo, ripensaci. Può essere davvero molto utile e ha tante funzioni interessanti che altri programmi di messaggistica istantanea come WhatsApp non hanno.

Come funziona messenger?

Innanzitutto bisogna scaricare l’app dall’app store se hai un iPhone o dal play store se utilizzi Android. Una volta installata dovrai effettuare il log in con i tuoi dati con cui accedi anche a Facebook per poterla utilizzare. L’usabilità dell’app è infatti semplice ed intuitiva: aprendola si possono trovare tutti i contatti (ossia tutti gli amici) a cui si può scrivere singolarmente o per gruppi, semplicemente cliccandoci sopra. messenger

Meglio Messenger o WhatsApp?

Tra queste due principali applicazioni di chat c’è una bella sfida. Hanno tutte delle funzioni di base: oltre a inviare semplici messaggi di testo permettono l’invio di emoji, di messaggi audio e di effettuare videochiamate, ma su messenger ci sono delle funzionalità in più. Partendo dall’ultimo punto, è possibile aggiungere una vasta serie di effetti, da filtri a gadget nelle proprie riprese. Messenger infatti da questo punto di vista può essere considerato come una sorta di fusione tra WhatsApp e Snapchat, infatti si potrà videochiamare con il filtro da cane o da coniglio per rendere più divertente la chiamata live. In più si potranno aggiungere due filtri contemporaneamente, ossia oltre ad avere il simpatico aspetto da coniglio si potrà anche far visualizzare il proprio video in bianco e nero.

Al di là dell’aspetto videochiamate, un’altra interessante funzione alternativa alle emojii è quella delle GIF. Si potranno infatti inviare delle GIF davvero divertenti senza il bisogno di scaricarle sul proprio smartphone e nemmeno senza il bisogno di cercarle su google. All’interno di messenger è infatti installato GIPHY che permette di effettuare la ricerca e la condivisione direttamente all’interno della chat. Il discorso è sempre lo stesso: diminuire il più possibile il rimbalzo di frequenza e il tasso di abbandono dell’utente nella sua user experience. Questo porta vantaggi sia a chi usa l’app che risparmia tempo, ma anche a facebook, proprietario di messenger che fa rimanere più i tempi i suoi consumatori incollati allo schermo.