Controllare la glicemia con il diabete di tipo 2

Sta facendo molto discutere nelle ultime ore quanto rivelato da alcuni scienziati attraverso uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine che rivela il perchè le persone dovrebbero mangiare broccoli, facendo uno specifico riferimento a coloro che soffrono di diabete di tipo due. Nello specifico gli scienziati in questione, ovvero il gruppo di ricercatori diretti dal professor Anders Rosengren, hanno analizzato circa 3800 composti utilizzati per i medicinali indicati proprio per i diabetici e hanno scoperto che mangiare broccoli può aiutare queste persone a tenere sotto controllo il proprio diabete di tipo 2 grazie alla capacità, di tale alimento, di tenere sotto controllo la glicemia.

Dopo aver analizzato i composti utilizzati nei medicinali per diabetici ecco che i ricercatori citati in precedenza hanno scoperto e successivamente rivelato che uno dei più efficaci è il solforato di cui sono molto ricchi proprio i broccoli e proprio dopo aver fatto tale scoperta gli stessi ricercatori hanno sperimentato quanto scoperto su 97 pazienti per una durata di circa 12 settimane. Nel corso di tali giorni di sperimentazione i ricercatore hanno somministrato ad alcuni di questi pazienti il composto in questione quindi il solforato mentre invece ad altri pazienti hanno somministrato per l’intera durata della sperimentazione e quindi per 12 settimane, un placebo. Il risultato finale di tale sperimentazione è stato sorprendente in quanto proprio il solforato si è dimostrato efficace per attenuare molti fattori legati proprio al diabete di tipo due.

Secondo i ricercatori diretti dal professor Anders Rosengren i germogli del broccolo possono aiutare i pazienti affetti da diabete di tipo 2 a tenere sotto controllo la glicemia e proprio il solforato andrebbe ad inibire la produzione di glucosio riuscendo quindi a tenere sotto controllo ,come anticipato in precedenza, proprio la glicemia, termine questo con il quale ci si riferisce alla presenza di zucchero nel sangue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *